mercoledì 21 dicembre 2016

Lo streaming in HD (per la classica) - II Parte

Dopo la veloce recensione del nuovo servizio di streaming ClassicsOnline di Naxos e OraStream, condotta nella configurazione più semplice possibile, ovvero iPad + cuffia di qualità, completo la prova utilizzando il servizio come sorgente per l'impianto di casa e per l'impianto in auto, quindi in mobilità.

1. Con l'impianto di casa

Il collegamento
Non è molto versatile, non è supportato Chromecast e il servizio non è incluso tra quelli "on board" nei network player attuali. L'unico modo per arrivare all'impianto è quindi tramite un PC e un DAC esterno. Nel mio impianto c'è un music server realizzato con un Mac Mini (vedi gli articoli che ne descrivevano la realizzazione) e quindi il problema non si pone, ma chi avesse scelto invece la soluzione network player dovrebbe utilizzare per forza un notebook e installare su di esso la app desktop di ClassicsOnline, se vuole usare un DAC di qualità e non il DAC interno di un iPad e la sua uscita cuffia.

La app desktop per Mac
Come altri servizi di streaming la libreria, il motore di ricerca per la scelta dei brani e il player sono attivabili anche da browser, ma viene consigliato di installare l'apposita app per maggiore semplicità d'uso (e forse prestazioni). Così ho fatto sul mio Mac Mini. Installazione veloce e senza complicazioni, L'unico problema incontrato è stato la necessità di configurare esplicitamente il DAC collegato (un HRT Music Streamer), altrimenti il player non partiva senza dare messaggi di sorta. Una volta partito si presenta così (è visibile anche il pannello di configurazione sulla destra),


Il funzionamento è intuitivo e quello che restava da fare era soltanto provare software in HD con diverse configurazioni strumentali. Come si vede dall'immagine sono partito dal pianoforte che in queste incisioni usciva molto bene, Non erano possibili confronti con gli stessi brani quindi non posso dare informazioni su eventuali perdite o miglioramenti rispetto ad una configurazione tradizionale (con materiale ottenuto via download o ripping, ma posso testimoniare che quello che usciva dai miei diffusori era un pianoforte timbricamente corretto, ampio e credibile.

Ho provato anche brevemente la installazione e l'utilizzo della app gemella per ambiente Windows, stessa facilità di installazione e immediatezza d'uso, qualche attenzione in più (tipica dell'ambiente Windows) deve essere dedicata alla configurazione dell'uscita audio, anche in dipendenza del DAC usato.

Gli altri ascolti
Non ho mancato di risentire anche Schubert ripensato da Busoni nella interpretazione del pianista italiano Enrico Vincenzi, che anche in questa modalità di ascolto appariva affascinante e tecnicamente valido.


Sugli archi e in particolare con il quartetto d'archi da camera avevo avuto qualche perplessità. Ho trovato tra il materiale Hi-Res questa trascrizione per quintetto d'archi e pianoforte del bellissimo concerto n.20 di Mozart, l'unico in modo minore. Un ottimo ascolto,nessun difetto particolare, non entusiasmante forse per il pianoforte un po' indietro.


Proviamo la voce a questo punto. Non c'è molto che conosco già almeno tra i titoli messi in evidenza. C'è di Mahler lo splendido Das Lied Von De Erde ma ancora una volta con accompagnamento per quartetto d'archi e non per orchestra (penso che le case discografiche risparmiano con queste trascrizioni). Allora scelgo qualcosa di ancora più concentrato sulla voce, come questo:


Una selezione di arie del noto compositore tedesco ma francese di adozione, maestro dell'opera lirica più melodrammatica e più gradita al pubblico della seconda metà dell'800, riproposta con la sola voce della soprano israeliana Sivan Rotem con l'accompagnamento del pianoforte. La voce qui esce in modo molto convincente grazie ad un'ottima registrazione, si apprezza in particolare la grande dinamica e la stabilità dell'immagine virtuale. Potrei azzardare che è un buon esempio di alta definizione e di cosa si può ottenere, anche se si tratta solo di un 24/44.1.

L'ultimo test l'ho dedicato alla prova più impegnativa, la grande orchestra, che sinora non avevo ascoltato in streaming HD. Cercando qualcosa di non troppo insolito e di già conosciuto (da me) per rendere più significativo il confronto, ho trovato questa esecuzione (dal vivo) del primo concerto per violino di Brahms con l'orchestra di Uppsala e un valido solista anche lui svedese, Nils-Erik Sparf.


Anche questa è una registrazione quasi HD, in risoluzione 24 bit ma con frequenza tagliata (in post-produzione) a 44.1KHz. Suona però molto bene, violino solista in evidenza ma non troppo, molto musicale e fluido, orchestra potente e con grande dinamica, buona ricostruzione spaziale e localizzazione delle varie sezioni di strumenti e dei fiati con parti solistiche. Convincente anche se non da standing ovation.

In sintesi
Il servizio in streaming CalssicsOnline nell'ascolto sul nostro impianto si mostra all'altezza dell'ascolto tradizionale con materiale in download o acquisito via ripping (o suonato da un lettore multiformato SACD). Il catalogo ancora non molto ricco di materiale HD lo rende per ora, anche considerando il costo molto basso, soprattutto una fonte di acqusizione di contenuti complementare e non sostitutiva degli altri canali citati.

2. In auto

Parliamo ovviamente di un'auto dotata di un impianto specializzato per l'ascolto della musica, non di un impianto di serie, dove nel 99% dei casi anche l'ascolto di un servizio streaming in qualità standard risulta troppo impegnativo per l'impianto stesso (meglio ascoltare qualcosa di diverso dalla musica, per rispetto alla musica, salvo rari e costosissimi impianti opzionali per rare e costosissime auto come le BMW Serie 6).

Qui sono passato da un'ottima impressione iniziale a un giudizio negativo, sempre rispetto alle alternative disponibili nello streaming. L'impressione iniziale era positiva perché nel primo trasferimento casa - ufficio che ho fatto, accompagnato dall'ascolto dalla musica con ClassicsOnline ho avuto la piacevole sorpresa di interruzioni zero, pur con un impegnativo flusso HD. Come ho testimoniato altre volte, con una connessione 4G e un buon smartphone recente (nel mio caso iPhone SE, identico a un iPhone 6 ma più compatto) con Spotify e altri servizi streaming a compressione, anche alla qualità più alta non si rilevano interruzioni nel flusso praticamente mai, con Qobuz o Tidal in qualità CD a volte capita, anche se in genere l'ascolto è possibile senza interruzioni momentanee. Il tutto a Roma e in un percorso variabile, anche in galleria e con gestore TIM.

L'algoritmo adattativo
La prestazione eccellente aveva però una motivazione molto semplice a cui non aveva pensato in un primo tempo: l'algoritmo adattativo, ovvero la riduzione della risoluzione e del bitrate in base alla qualità del segnale. Qualcosa di simile come concetto a quello che ha realizzato Netflix per il video. Solo che in Netflix la risoluzione ridotta riguarda le fasi iniziali di un film, poi il sistema si stabilizza e utilizza opportunamente il caching per stare il più possibile vicino alla qualità HD, mentre qui la risoluzione scende tutte le volte che la qualità scende. Peraltro avevo anche lasciato il settaggio standard, quindi poteva scendere fino a 160Kbps.

Non me ne sono accorto guardando lo schermo dell'iPhone dove il player ClassicsOnline riporta in continua il bitrate, ovviamente, altrimenti avrei probabilmente tamponato qualche auto davanti alla mia. Ma ho percepito una certa approssimazione nel suono, qualcosa di lontano dalle aspettative rispetto all'ascolto in qualità CD a cui ero abituato. L'ascolto era con il concerto di Mozart con trascrizione per quintetto d'archi.

Una videata durante il primo ascolto.
In seguito con questo software 24/96 il bitrate è arrivato anche a oltre 2300Kbps
In un successivo ascolto in un tragitto più calmo (ovvero con molti semafori) ho controllato più spesso il bitrate e ho scoperto il motivo: in questo caso era Brahms che ho citato prima, e si passava dai 160Kbps al massimo a 520 mentre, come si vede nell'esempio sopra, collegato all'ADSL era a 1300 ed oltre.
Da aggiungere anche che, sarà stato il bitrate compresso, sarà stato l'algoritmo di compressione adattativo, ma il violino di Nils-Erik Scarf che sentivo così potente e pulito a casa, in auto lo era un po' di meno, solo un accenno, ma stridente. Eppure a volte il mio impianto per auto mi è apparso più preciso e analitico di quello di casa.

Invece in un'altra zona della città e in un orario diverso (la sera)
non si riusciva a salire oltre i 508-520 Kbps
Attenzione ai settaggiLa disabilitazione dell'algoritmo adattativo è comunque possibile, così come la scelta se limitare comunque il bitrate a un livello inferiore nel funzionamento in 4G, per evitare di consumare i MB disponibili nel proprio contratto.

In sintesi
Impossibile quindi pretendere un vero HD in auto con questo sistema sfruttando al massimo le possibilità dell'algoritmo adattativo, in base alle prove fatte non si arriva ad una stabilizzazione su un livello ottimale, nel difficile ascolto in auto, mentre probabilmente è più facile usando il 4G quando ci si trova in un posto senza wi-fi (per esempio in vacanza).
L'unico vantaggio rispetto a Spotify (sempre in auto) rimane quindi il costo più basso mentre per avere le prestazioni ottimali si dovrà ricorrere al caricamento offline o alla rinuncia dell'algoritmo adattativo, quindi rispetto a Qobuz o Tidal ci sarebbe solo il vantaggio di potere ascoltare anche in HD, ma non sempre, e lo svantaggio di un catalogo al momento meno ampio.
I test sono comunque alla portata di tutti (la prova è gratuita) e quindi se qualche visitatore volesse avventurasi sarà molto interessante leggere nei commenti le sue impressioni.


2 commenti:

  1. Ciao per il collegamento all'impianto di casa consiglio il seguente prodotto:
    http://www.audiogamma.it/prodotti/pro-ject_dac-box-e/convertitori_d_a/serie-box-design-e/3502.html.

    oltre ad essere DAC è anche ricevitore bluetooth. rispetto al prezzo di listino si trova in giro intorno ai 50 euro

    RispondiElimina
  2. E' senza dubbio un componente interessante di un produttore dalla ottima reputazione. Grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina